Viaggiare non è mai abbastanza.

10 giorni in Scozia: il diario di viaggio – Day 4

384

Ci svegliamo, guardiamo fuori dalla finestra, e di colpo ci troviamo catapultati nel tipico clima scozzese, quello caratterizzato da nuvoloni grigi e pioggerellina leggera.

Lo sapevo io che Luca che mi fa i complimenti avrebbe fatto piovere!! :4_joy:

Per fortuna appena dopo l’abbondante colazione smette di gocciolare e noi possiamo uscire dal B&B senza inzupparci.

La prima tappa del giorno è la Smoo Cave, una delle attrazioni più famose della NC500, una delle strade più belle di Scozia.

Parcheggiamo il van, indossiamo i nostri giubotti in Goretex e partiamo alla scoperta.

Come sempre siamo tra i primi, la grotta è ancora semi-deserta e noi riusciamo a godercela in santa pace.

Visitiamo gli interni, facciamo le foto di rito sul suggestivo ponticello, cerchiamo la cascata che dovrebbe essere all’interno della grotta ma che scopriremo essere sparita a causa della siccità di quest’anno.

 

NC500

smoo cave

NC500

grotta scozia

 

Infine percorriamo il sentiero sulla scogliera, per ammirare la grotta ed il fiordo dall’alto, circondati da tante pecorelle bianche che sembrano quasi volerci tenere compagnia.

 

NC500

NC500

 

Staremmo li per ore ma la pioggerellina scozzese ci riporta alla realtà e siamo costretti a rientrare di corsa alla macchina.

Poco male, oggi si prospetta una giornata molto interessante visto che siamo diretti a sud percorrendo la scenografica NC500.

La prima tappa è Achmelvich Beach, che raggiungiamo percorrendo una strada strettissima ed insidiosa, che in teoria sarebbe vietata ai camper che però la percorrono lo stesso creando diversi ingorghi.

Chi mi presta un Bazooka? :4_joy:

Tuttavia nel frattempo è uscito il sole, la strada è meravigliosa ed io sono completamente rapita da tanta bellezza.

Chiedo a Luca di accostare per fare una foto. Una volta, due volte, tre volte… siamo sempre fermi e alla fine sono costretta a limitarmi per non rischiare che il mio amorevole marito mi lanci fuori dal finestrino.

Ok che la strada è bellissima ma non mi ci vedo a rimanere qua in compagnia di mucche e pecore! :4_joy:

 

NC500

NC500

NC500

NC500

NC500

 

Poco dopo mezzogiorno arriviamo alla meta, Achmelvich Beach, un’altra delle spiagge caraibiche di Scozia.

Ecco, sembra impossibile ma questa è ancora più bella di quelle di ieri, l’acqua è di un azzurro quasi ipnotizzante e sembra di essere ovunque tranne che su una spiaggia scozzese. P-A-Z-Z-E-S-C-A!!

 

Achmelvich spiaggia

Achmelvich spiaggia

Achmelvich nc500

 

Il paesaggio è stratosferico e noi ne approfittiamo per mangiare qui i nostri panini, godendoci la vista.

Purtroppo il tempo vola ed è ora di risalire ancora una volta sul nostro van, diretti alle tappe successive della giornata sulla NC500, le rovine di Castle Ardvreck, Ullapool e le Corrieshalloch Gorge.

A Castle Ardvreck ci fermiamo giusto 5 minuti per fare una foto, le rovine non sono nulla di che e non mi entusiasmano per niente.

 

Ardvreck

 

Ullapool invece è tutta un’altra storia, una cittadina carina e vivace, piena di gente al punto che fatichiamo a trovare parcheggio.

 

ullapool nc500

 

Infine le Corrieshalloch Gorge, un sito poco conosciuto ma valido per sgranchirsi le gambe e vedere qualcosa di interessante.

Sono le 16 ed il parcheggio del Visitor center chiude alle 17 perciò decidiamo di camminare sul sentiero più corto, un percorso di circa 40/50 minuti A/R soste comprese.

Tutto è molto carino e la passeggiata è piacevolissima, baciati da un bel sole e avvolti da una sensazione di tranquillità incredibile.

 

Corrieshalloch Gorge

Corrieshalloch Gorge nc500

nc500

 

Ovvio, non siamo di fronte alle gole dell’ovest degli USA, ma si tratta senz’altro di una bella sosta per spezzare la lunga tratta di oggi.

Poco prima delle 17, quando chiude il parcheggio e sarebbe impossibile uscire, noi siamo di nuovo in partenza diretti alla nostra destinazione finale, il piccolo paesino di Gairloch sulla NC500.

 

Gairloch NC500

 

Stasera alloggiamo al Gairloch hotel, un grande hotel proprio di fronte al mare, bello all’esterno ma vecchiotto all’interno.

Si tratta del classico hotel per comitive con tantissime camere, scelto per la mancanza di disponibilità di camere triple in altre strutture vicine.

Le possibilità erano 2: prenotare questo hotel un pò impersonale o far dormire genitori e sorellina nel Van. Ovviamente ho scelto la prima! :4_joy:

Prima di cena facciamo un giro, ascoltiamo il suonatore di cornamusa dell’hotel e poi andiamo a mangiare nell’enorme ristorante in loco.

Mangiamo discretamente e poi andiamo a letto presto per essere belli riposati. Domani ci aspetta il castello più famoso di Scozia e l’arrivo nella magica isola di Skye!

 

– Clicca qui per la giornata successiva –

– Clicca qui per la giornata precedente –

 

 

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta