Viaggiare non è mai abbastanza.

Namibia 2019: Diario di viaggio – Day 9

440

Ci svegliamo poco prima delle 7 al nostro Desert Sands Boutique Hotel di Swakopmund e con calma andiamo a fare colazione.

Rinfrancati torniamo in camera, ci vestiamo di tutto punto e ci apprestiamo ad uscire per vivere una delle giornate più belle del viaggio, la più bella per Luca.

Il sole è alto in cielo, fa già caldo e della nebbia per cui è famosa la città non c’è traccia.

Quanto siamo fortunati da 1 a 10?! 1000!

Oggi ci aspetta la super combo, mattinata in Kayak con le foche e pomeriggio sulle dune di Walvis Bay, quelle a picco sul mare.

Prima di partire ero alquanto preoccupata dato che durante il loro inverno (la nostra estate) se si becca la giornata storta può fare anche molto freddo.

Ve la immaginate un’intera mattina in Kayak con 12 gradi?! A me venivano gli incubi solo a pensarci.

Meno male che madre natura, probabilmente conoscendo la mia freddolosità, oggi ha deciso di regalarci una meravigliosa giornata a 30 gradi.

Solo qualche giorno prima i gradi erano 12.

Mi ripeto…quanto siamo stati fortunati?

Con questi pensieri faccio segno a Luca per uscire dal nostro parcheggio strettissimo e, una volta fuori, facciamo rotta verso Walvis bay.

“Cavolo Luca, ieri abbiamo pulito il camper e portato il navigatore in camera, siamo senza!!”

“Giò guarda che io non torno indietro, fino a Walvis Bay è tutta dritta, hai il tuo libretto no? C’è l’indirizzo?”

Il mio travel book è sempre con me quindi l’indirizzo ce l’ho e, abbastanza facilmente, arriviamo a destinazione.

Tutto è bene quel che finisce bene….o almeno così pensiamo.

Parcheggiamo, ci mettiamo a cercare la Pelican Point con cui abbiamo deciso di fare l’escursione ed attendiamo che vengano a prenderci.

Questa escursione con le foche è il mio regalo di Natale per Luca. Quando lui ti regala il biglietto aereo devi pur ricambiare in qualche modo, no?

Lui ama gli animali quindi, al solo pensiero di passare la mattina in mezzo alle foche, è tutto eccitato.

“Peruz vuoi regalarmi il biglietto aereo anche l’anno prossimo? Giuro che poi io ti regalo un’escursione con i tuoi amati orsi!!”

Arrivano le nostre guide, ci dividono in due gruppi da 6 e a bordo di due camioncini che puzzano tremendamente da pesce partiamo alla volta della spiaggia dove effettueremo il giro in kayak.

 

Swakopmund

 

Arrivati a destinazione ci danno qualche indicazione pratica sull’escursione: come pagaiare, come non far arrabbiare le foche, come evitare di far ribaltare la canoa.

“Capito Giò?! Cerca di non far ribaltare la canoa!!”

Dopo aver indossato pantaloni e giacche impermeabili fornite dalla compagnia ci avviciniamo ai Kayak, pronti a vivere un’esperienza unica.

Siamo letteralmente circondati dalle foche, Luca è al settimo cielo.

 

Swakopmund walvis bay

Swakopmund walvis bay

Swakopmund walvis bay

 

Nel mentre io rischio davvero di far ribaltare il Kayak visto che le foche sono aggressive e tentano più volte di salire sulla nostra canoa, venendomi in braccio.

Io, che non sono esattamente donna avventura, ho paura e per mandarle via faccio qualche movimento di troppo.

“Giò sei matta?! Guarda che finiamo in acqua!! Dai dai, falle salire sulla canoa, guarda che belle che sono!!”

Luca le accarezza, gioca con loro ed è felice come un bambino.

Io invece sono in uno stato di ansia costante, le foche mordono e temo che gli stacchino una mano. :4_joy::4_joy:

 

Swakopmund walvis bay

Swakopmund walvis bay

 

Una gli morsica un dito ma lui non fa una piega.

“Giò guarda com’è cattiva questa foca!! Le ho trovato un nome, la chiamerò foca Giò!!!”

Seriusly?!  :4_joy:

Ridiamo, pagaiamo, Luca continua a giocare con le foche ed io penso che si, il mio regalo di natale gli è proprio piaciuto.

Tutte le cose belle però finiscono e, quando la nostra guida ci richiama a riva, siamo decisamente tristi.

Ci viene offerto il pranzo, che facciamo a base di cioccolata calda (serve per le temperature che ci sono di solito) e tramezzini.

Siamo in maniche corte ma la cioccolata calda ci sta sempre.

Facciamo quindi ritorno a Walvis Bay e saliamo a bordo delle jeep che ci porteranno a Sandwich Harbor, nel cuore delle dune di sabbia.

Dopo la tempesta di sabbia di ieri mi mancava proprio.

Facciamo prima una sosta a vedere i fenicotteri rosa di Walvis Bay. Ma quanti sono?!

 

Swakopmund walvis bay

Swakopmund walvis bay

 

Ripartiamo quindi alla volta di Sandwich Harbor, pronti a scalare in jeep le dune vertiginose.

Luca ha il broncio e, quando gli chiedo cos’ha, mi dice che vorrebbe guidare lui.

“Giò non potevi trovare un’escursione che mi facesse guidare?”

“Non esistono Luca, credo che per guidare qui bisogna pagare e non poco!!” 

Lo scenario è molto bello ma non mi sono accorta che, durante l’escursione della mattina, si è sporcato l’obbiettivo della macchina fotografica.

Perdonate le macchioline.

 

Swakopmund walvis bay

 

Indovinate cosa stava facendo Luca in questa ultima foto? Cercando un serpente che come al solito non ha trovato.

Arriviamo a destinazione e la guida ci dice che, per vedere lo spettacolo, bisogna salire l’altissima duna di fronte a noi.

Ma davvero? Non possiamo andarci in macchina? :4_joy:

A fatica, sotto il sole cocente, arriviamo in cima. Lo spettacolo è meraviglioso ma, dopo questa vacanza, credo che non scalerò più una duna di sabbia per molto tempo. :4_joy:

Anzi no, forse potrei fare un eccezione giusto per tornare alle White Sands con il sole.

 

Swakopmund walvis bay

Swakopmund walvis bay

 

Restiamo in contemplazione per un po’ e poi scendiamo, pronti per il nostro picnic a base di ostriche e champagne.

Le ostriche ci sono, lo champagne no, ma con uno scenario così ci si accontenta anche di uno spumante non ben identificato.

E’ ora di tornare alla base, facendo qualche acrobazia sulla sabbia ed ascoltando Luca che continua a dirmi “uffa volevo guidare io!!”.

 

Swakopmund walvis bay

Swakopmund walvis bay

 

Il ritorno a Walvis Bay è tranquillo e, quando arriviamo al camper, Luca è al settimo cielo.

“Grazie Giò, è stato un regalo meraviglioso!!”

Luca che mi ringrazia?? Caspita, allora gli è proprio piaciuto!!

Saliamo sul nostro bolide e partiamo per fare ritorno a Swakopmund.

“Giò ma Walvis Bay non ti ricorda l’America?!”

Io per poco quasi non soffoco.

“America? Ma dove la vedi? Non ci assomiglia per niente!!”

Purtroppo, a parlare di America, sbagliamo strada e finiamo in un sobborgo della città.

“Tranquilla Giò, alla prossima giriamo a destra e ci ricongiungiamo con la strada principale”

La cittadina che fino poco prima a Luca sembrava americana diventa, nel giro di poche centinaia di metri, molto molto africana.

Fuori dal centro è davvero diversa e, in un attimo, siamo catapultati in una realtà incredibilmente differente da quella vista fino ad ora.

Il traffico è allucinante, c’è gente ovunque, ai lati della strada, in mezzo alla strada, ovunque.

Ci guardano tutti di traverso, che abbiamo fatto di male?

Ben presto ci rendiamo conto di essere gli unici bianchi e Luca, sapendo cosa può succedere in questi casi a Nairobi in Kenya, chiude la macchina e mi dice di tirare fuori immediatamente il navigatore del cellulare.

Avevo terminato internet ed oggi, in teoria, si sarebbe dovuto rinnovare.

“Giò, tira fuori subito il telefono e prega che internet funzioni”

Ok, ora mi sta mettendo ansia.

Qualcuno ascolta le nostre preghiere e, grazie al telefono usciamo dal labirinto in cui siamo finiti, tornando alla strada principale.

Non ce l’avremmo mai fatta senza.

“Ecco Giò, oggi hai visto la vera Africa.”

Abbiamo avuto davvero paura e, anche Luca che in genere resta sempre tranquillo, mi dice che non dobbiamo mai più dimenticare il navigatore.

Torniamo a Swakopomund e, mister simpatia, mi chiede se voglio fare anche li un giro nei sobborghi.

Certo caro, non vedo l’ora!!

Per stasera abbiamo in programma una cena al The Tug, il ristorante più famoso della città, dove mangiamo bene ma nulla se paragonato alla cena della sera prima.

Ci facciamo riaccompagnare in hotel dalla navetta ed andiamo a letto con la consapevolezza che oggi, sobborghi di Walvis Bay esclusi, è stata una giornata splendida.

 

– Clicca qui per la giornata successiva –

– Clicca qui per la giornata precedente –

 

 

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta