Viaggiare non è mai abbastanza.

About me

Ciao, sono Giovanna, classe 1986.

Mi piace viaggiare. Tanto. Più che posso. Viaggiare per me è vivere. Frase scontatissima, lo so, ma per me è davvero così.

Adoro fotografare e ancora di più scrivere. Amo scrivere dei miei viaggi, delle sensazioni che mi lasciano. Amo scriverne il diario per poterli ricordare anche tra due, cinque o dieci anni, per poterli rivivere sempre, ogni volta che voglio.

Mi piace mangiare bene quando viaggio perché, secondo me, la buona cucina dà a tutto un valore aggiunto. Non occorre spendere cifre folli, basta saper scegliere bene.

Io sono quella che non vede l’ora di salire su un aereo (ma anche in macchina o in treno), che programma un viaggio nei minimi dettagli, che siano due settimane o 3 giorni. Io sono quella che sul volo di ritorno sta già pensando al prossimo viaggio.

Ma non sono sempre stata così, anzi….

Il mio modo di viaggiare è cambiato tanto in questi anni. Poco più di 10 anni fa facevo il mio primo viaggio con le amiche, a sharm el-sheikh, rinchiusa dentro a un villaggio, con un pacchetto acquistato in agenzia.

Se ci penso ora, passare una settimana così mi mette i brividi. Quella però è stata la mia prima vera vacanza, la prima volta che prendevo l’aereo, la prima volta senza genitori, la prima volta che, da sola, esploravo un paese straniero. Sono passati tanti anni e il mio modo di viaggiare è cambiato completamente da allora ma, ancor’oggi, la ricordo come una delle mie vacanze più belle.

Si quindi, sono colpevole. La mia “carriera” di viaggiatrice è iniziata dentro le mura di un villaggio turistico, dove il tempo scorreva veloce tra giornate in piscina, serate in discoteca, tornei di calcetto e tiro con l’arco. E come dimenticare l’all inclusive internazionale dove il piatto più gettonato era la cotoletta alla milanese?

Ma su, perdonatemi, in fondo avevo poco più di 20 anni. Poi crescendo si cambia, e menomale, quante cose mi sarei persa sennò!

Per me il cambiamento è avvenuto quando ho conosciuto Luca, qualche tempo dopo. Lui è il mio miglior compagno di viaggi ed è anche grazie a lui se ho avuto la fortuna di vedere così tanto nel mondo.

Ammetto, però, che ogni tanto ha un compito piuttosto difficile: riportarmi con i piedi per terra. Perché, fosse per me, starei sempre ad organizzare il prossimo viaggio. Per lui io ho una vera e propria malattia.

Ed è così, me ne rendo conto. Ma, diciamoci la verità, cosa c’è di meglio di essere ammalati di viaggi?!

Spero, con questo blog, di riuscire a contagiare un po’ anche voi!!

Giovanna

 

Volete sapere da quale zona d’Italia scrivo? Ingrandite la mappa!

 

Per qualsiasi informazione o curiosità non esitate a contattarmi all’indirizzo mail info@viaggiadipiu.it